CALL MY NAME – The Whatsapp Dance project

Un lavoro di Fabrizio Favale

 

Durata variabile da 5 a 20 minuti

 

Coreografia Fabrizio Favale and dancers
Set First Rose
Danzatori Martin Angiuli, Vincenzo Cappuccio, Angelica Margherita, Mirko Paparusso
Musica Alex Somers, Sigur Rós, M83
In collaborazione con AMAT
Produzione KLm – Kinkaleri / Le Supplici / mk
Con il contributo di MIBAC / Regione Emilia-Romagna

 

 

Call my name è uno spettacolo privato, in cui uno spettatore videochiama attraverso WhatsApp un danzatore della compagnia, pronto a danzare solo per lui. Lo spettatore acquista il biglietto, fornendo il proprio numero di telefono, giorno e orario in cui vuole incontrare la sua danza. Concluso il suo pezzo, il danzatore convocherà un suo collega sullo schermo, lasciandogli il posto, in una sorta di staffetta di apparizioni.

Questo formato spettacolare pionieristico mescola materiale e immateriale, sostanza tecnologica e sostanza dell’immaginazione, in un incontro con la danza intimo e misterioso allo stesso tempo. Per una manciata di minuti un danzatore in carne e ossa si tramuta solo per noi in un circuito elettrico fatto di bit, impalpabile eppure struggente.

Photo